Oggetto: Scarpe inglesi

Massimo Simoniti

da Milano, giovedì 20 giugno 2019 alle ore 06:45:28


Egregio Gran Maestro


È sempre un piacere avere la possibilità di scriverLe su questo, superbo sito che permette di dialogare,  discutere ed apprendere non unicamente i fondamenti dell’abbigliamento e dell’eleganza maschile, ma da l’occasione di comunicare e conoscere le basi del buon gusto, del bello e il senso ben vivere che dovrebbero costituire i tratti della nostra civiltà. Concetti come classico, tradizione e ad armonia sembrano ormai lontani ed appannaggio di minoranze di persone che si ostinano a coltivarli. Rifletto a volte sulla poesia che Pasolini  fa dire nell’episodio “La ricotta” del film RoGoPaG, a un regista impersonato da Orson Welles:


"Io sono una forza del Passato.
Solo nella tradizione è il mio amore.
Vengo dai ruderi, dalle Chiese,
dalle pale d'altare, dai borghi
dimenticati sugli Appennini o le Prealpi,
dove sono vissuti i fratelli.
Giro per la Tuscolana come un pazzo,
per l'Appia come un cane senza padrone.
O guardo i crepuscoli, le mattine
su Roma, sulla Ciociaria, sul mondo,
come i primi atti della Dopostoria,
cui io sussisto, per privilegio d'anagrafe,
dall'orlo estremo di qualche età
sepolta. Mostruoso è chi è nato
dalle viscere di una donna morta.
E io, feto adulto, mi aggiro
più moderno d'ogni moderno
a cercare i fratelli che non sono più".


Mai come in questi versi si può cogliere in modo consapevole e disperato il sentirsi estraneo ad un presente sempre più omologato e a un futuro che è sempre più un deserto culturale. Di fronte all'accelerazione artificiale della nuova società industriale che vuol distruggere il passato per instaurare solo il presente, oppone la nostalgia del sacro, degli antichi valori, il rimpianto del passato non basta più. Credo che solamente una rivoluzione potrà salvare la tradizione, al di la delle affermazioni retoriche di amore per il passato fatte dai più (sui vari mezzi di informazione di massa) e che sono semplicemente ciniche e sacrileghe: comunque, nel migliore dei casi, tale amore è decorativo, o 'monumentale', come diceva Schopenhauer, non certo storicistico, cioè reale e capace di nuova storia.


In questo senso discutere, parlare, proporre modelli di stile, del corretto abbigliamento o anche riflettere su cosa sia il Dandy è sommamente rivoluzionario, in un mondo che dell’effimero, dell’usa e getta e dell’omologazione ha la sua cifra distintiva.  Questo Pamphlet contro la condizione postmoderna, non vuole ridursi ad un semplice amarcord o ad una sterile critica contro il cattivo gusto imperante, contro la diseducazione al bello nella moda, nelle arti e nella vita in genere, vuole essere sia un punto di partenza personale verso una assimilazione della “teoria” e dei fondamenti dell’abbigliamento maschile per poi approdare al proprio stile ed ad un eleganza, e sia una condivisone di alcune riflessioni su quella che è lo stato attuale della condizione postmoderna


come l’aveva definita Francois Lyotard. Credo che tutte le discussioni stimolate da Lei e dagli autorevoli cavalieri membri dell’ordine contribuiscono a dare centralità della dimensione del soggetto per ridar senso e valore alla modernità, in modo che l’individuo s'inserisca in rapporti sociali senza però identificarsi completamente con alcun gruppo; a differenza di come purtroppo la massificazione degli stili e del pensiero impone. Dovremmo arrivare In quest'ottica, come teorizzava il sociologo francese Touraine, ad una società che è moderna in senso positivo, non è una società che fa tabula rasa del passato e delle credenze, ma quella che trasforma l'antico in moderno senza distruggerlo.


Ricollegandomi al discorso di prima, per tradizione intendo la grande tradizione: la storia degli stili. Per amare questa tradizione occorre un grande amore per la vita. La piccola borghesia dedita al consumo non ama la vita: la possiede. E' ciò implica cinismo, volgarità, penso che nel fatto stesso di essere critici e rivoluzionari, implichi amore per la vita, e, con questo, la revisione rigenerante, energica, amorosa della storia dell'uomo, del suo passato.


Noi ci troviamo alle origini di quella che sarà probabilmente la più brutta epoca della storia dell'uomo: l'epoca dell'alienazione industriale. Il neocapitalismo illuminato e socialdemocratico, in realtà più duro e feroce che mai. A questo negli ultimi 30-40 anni si è aggiunto un capitalismo finanziario che dilagando in tutto il pianeta ha distrutto quasi definitivamente quel mondo classico e l’umanesimo che contraddistingueva la nostra storia e la nostra civiltà. Ad esso ha sostituito il dominio della tecnica e della produzione anche nella pittura, nel cinema e nelle arti in genere, basta guardare allo stato di liquefazione dell’architettura, del design e della moda, dove ad una pratica della teoria si sono sostituiti tanti pensieri individuali prodotti del sistema. In tal senso l’Ordine si pone a difesa dell’idea di modernità, intesa come progresso umano, della storia come un emancipazione nella quale l’uomo realizza e arricchisce le proprie facoltà, il che implica la perfettibilità sia dell’individuo che della collettività politica e dell’umanità. Un mondo in cui queste tre entità si affermano attraverso la cultura, il lavoro , l’arte, la scienza e la tecnica, in sostanza un mondo in cui l’uomo ha fede in se stesso, crea ed è protagonista di una civiltà nuova e più avanzata della precedente, un modello di vita ed azione. Il sistema postmoderno nega tutto questo, nega tutti i valori ultimi che possano legittimare orientamenti della società o comportamenti alla vita umana ed alla società, il risultato è lo svuotamento della socializzazione, perdita di fondamenti stabili e perdita di credibilità nell’individuo e frammentazione dell’identità. Basta guardarsi attornio per osservare torme di individui tutti presi a digitare qualcosa sullo smartphone all’ultima moda, con auricolari con e senza filo nelle orecchie, chiusi nella loro individualità e sempre più incapaci a comunicare, schiavi della risposta immediata di presunte applicazioni che dovrebbero aiutare a socializzare, ma che in realtà non fanno altro che isolare gli uni dagli altri. Uomini e donne vestiti in modo improbabile, che utilizzano bermuda per muoversi nel mondo come se fossero in spiaggia,  uomini che mostrano polpacci e pedalini o che ai piedi hanno orridi sandali e infradito, donne per cui vale la pena di riprendere la frase di Coco Chanel «è terribile vedere quelle ginocchia!». Giovani maschi e femmine che vagano per le nostre città in tuta ginnica o pantaloncini da basket. La tecnologia al posto di liberare l’individuo, di dargli nuove possibilità di crescere, l’ha reso schiavo tute questi “social” (orrendo inglesismo) hanno di fatto realizzato quello che il filosofo  Guy Debord teorizzava alla fine degli anni “60”,  tutta la società è un immensa accumulazione di spettacolo, la vita degli individui è un flusso di immagini mercificate dalla vita moderna e reificata dalle immagini stesse; va seguito l’imperativo per cui l’importante è apparire. Apparire in migliaia di foto inutili messe in rete, basta vedere le migliaia di bulimici turisti che soffocano le nostre città, e che fotografano tutto, ma che in realtà, tranne una sparuta minoranza, non capisce realmente nulla di quello che vede; quei ruderi antichi di cui parlava la poesia di Pasolini a quante persone dicono ancora qualcosa? Quel mondo classico rappresentato dai resti antichi, dalle chiese e dai borghi dimenticati riesce a comunicare qualcosa all’uomo postmoderno che consuma e brucia mode e falsi stili? fortunatamente esistono ancora persone a cui quel passato parla e racconta cose, sto pensando a tutti coloro che si occupano dell’artigianato di altissima qualità che rifiuta i capitali stranieri e rifugge dalla logica del marketing come Marinella, ma che nello stesso tempo ha portato all’estero il proprio prodotto senza snaturalo: il vero made in Italy.  Forse è da questo che dobbiamo ripartire per tentare di cambiare, e forse i momenti sono quelli giusti per rivoluzionare il paradigma per cui


un se l’abito deve mostrare di essere firmato ed essere alla moda. Non importa se i colori sono orrendi (basta che siano alla moda), se il materiale è scadente, ma il prezzo altissimo (vuol dire essere alla moda), se le scarpe fanno apparire il piede più lungo, o se la camicia ha un colletto che tra pochi mesi sarà giudicato dalla collettività ridicolo, esso è alla moda. Bisogna attrarre l’attenzione con l’esagerazione ed il cattivo gusto fare spettacolo mostrando tatuaggi e scritte che istoriano il corpo.


Credo  che chi vuole vestirsi da uomo deve sapere che attirerà sempre l’attenzione della massa, e che ottemperare al precetto di Lord Brummell richiederà uno sforzo ancora più grande per risultare coerente con se stesso. Quale? Padroneggiare modi, l’educazione, l’eloquio: perché l’eleganza nasce da dentro.  Prima di congedarmi e porgerLe i saluti e ossequi per l’opera di divulgazione del buon gusto svolta da Lei e dagli altri cavalieri, volevo sottoporle un dubbio (che per i molti abituati alle scarpe alla “moda” sembrerà assurdo)  in merito alle calzature.


Ho acquistato con soddisfazione il modello Chelsea Francesina di Edward Green, ora voglio continuare ad ampliare e costruire la mia scarpiera acquistando delle half brogue e quarter brogue. Per quanto riguarda le prime sono indeciso tra il modello Kensington o Stockton di Tricker’s, il modello Wilfred di Cheaney c’è anche il modello Cadogan di Edward Green ma volevo per l’occasione acquistare altri marchi storici dell’artigianato inglese. Per le quarter brogue sono indeciso tra il modello Berkeley di Edward Green e le Nakagawa o le Charles Cap-Toe full grain leather di George Cleverley, purtroppo per il marchio Cleverley non ho trovato a Milano o dintorni nessuno che lo tratti, l’unico modo per acquistarle sembra essere o andare a Londra o acquistarle on line da Mrporter con i rischi della misura del numero che un acquisto on line comporta. Mi rivolgo alla sua sapienza per valutare i miei dubbi su quale scarpa sia più adatta


 

 

 

 

Avvertenza:
Volendo aggiungere immagini interne all’intervento, cliccare Invio due volte prima e dopo averle inserite.
Solo così appariranno ben distanziate dal testo e tra loro.

 

Selezioni l'immagine di anteprima

INVIO

Prossimi Eventi

oggi maggio - 2020
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom