Oggetto: La giacca semi intelata....

Gerardo ARMENANTE

da Salerno, giovedì 11 ottobre 2018 alle ore 10:12:20

Esimio Maestro,

ultimamente da più parti mi è capitato di leggere che la cosiddetta giacca "semi intelata" (se prodotta con un buon taglio, una altrettanto buona fattura e tessuti di alto pregio) costituirebbe la giusta via di mezzo per ottenere un prodotto di qualità medio/alta, ad un costo accessibile ai più. 

Sperando che l'argomento proposto sia degno della Sua attenzione, chiedo il Suo illuminato parere sulla materia e indicazioni verso eventuali produzioni meritevoli di una qualche considerazione da parte Sua.

Cordialmente.


G. Armenante

 

 

 

 

Avvertenza:
Volendo aggiungere immagini interne all’intervento, cliccare Invio due volte prima e dopo averle inserite.
Solo così appariranno ben distanziate dal testo e tra loro.

 

Selezioni l'immagine di anteprima

INVIO

Giancarlo Maresca


Egregio signor Armenante,
le fornisco subito la sentenza: colpevole. Ed ora la motivazione. La costruzione semintelata consiste nel cucire a mano le tele del petto e applicarne di adesive dalla vita in giù. Ebbene, non condivido l'idea che gli interni possano dividersi in due. Pesanti o leggeri che siano, il loro lavoro è proprio quello di dare un aspetto omogeneo al capo e pertanto deve essere svolto da un pezzo unico, ancorché reso complesso da applicazioni, pinces, tagli e stiro. 

Cavallereschi saluti
Giancarlo Maresca
da Napoli, mercoledì 5 agosto 2020 alle ore 10:48:30
INTERVENGA

 

 

 

 

 

 

INSERISCI UN'IMMAGINE

INVIO

Prossimi Eventi

oggi settembre - 2021
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom