Oggetto: Conservare o rinnovare?

Gianni Calzolari

da Ferrara, venerdì 8 gennaio 2021 alle ore 09:43:00

Egregio Gran Maestro,

vorrei sapere la sua preziosa opinione circa un quesito che è stato oggetto di discussione tra me e due miei amici. L’argomento è  l’abbigliamento maschile classico, nel suo concetto più esteso.

E qui è nata la discussione: qualcuno ha detto che sta proprio nei fondamenti dell’eleganza maschile classica portare i vestiti e le scarpe fino alla loro morte naturale, rammendando e riparando quando necessario e finchè possibile; qualcun altro invece ha sostenuto che massimo ogni 10 anni, è necessario rinnovare completamente il proprio guardaroba (pur rimanendo entro alcuni parametri del classico) proprio per evitare l’effetto di “vecchio”.

Eppure, non sta proprio nel concetto di eleganza classica, il poter rigenerare quasi all’infinito i capi di abbigliamento? Sottostando alle mode, che impongono un ricambio frequente del guardaroba, come è possibile sostenere questa disciplina?

Colgo l’occasione per dirle che apprezzo molto quello che Lei ha fatto e che continua a fare per l’universo maschile, seguo sempre i suoi articoli che trovo particolarmente illuminanti. Credo che Lei, parlando di abbigliamento, stia complessivamente indicando all’uomo di oggi quale è il sentiero da percorrere, quale la meta da raggiungere.

La ringrazio per la risposta, e le mando i miei migliori auguri per ottimo 2021

Gianni Calzolari - Ferrara

 

 

 

 

Avvertenza:
Volendo aggiungere immagini interne all’intervento, cliccare Invio due volte prima e dopo averle inserite.
Solo così appariranno ben distanziate dal testo e tra loro.

 

Selezioni l'immagine di anteprima

INVIO

Prossimi Eventi

oggi maggio - 2021
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom